per scrivere alla redazione del sito: webmaster@ana-varese.it

 notiziario-n-4-2016-gruppo-alpini-varese.pdf

penne_nere_giugno2016_tot_web.pdf

 scarponi-saronnesi-dicembre-2016.pdf

Alcuni protagonisti della serata Pa' Togn 2016

Per le foto (clicca qui)

serata pa togn 2016

Un grande ringraziamento a tutti gli Alpini della Zona 5 che hanno collaborato alla realizzazione dello spettacolo, quando c'è unità si può realizzare qualsiasi cosa, la Zona 5 lo ha dimostrato con la presenza e l'impegno. 

Grazie di cuore da Guido e Maurizio

 arcisate dicembre 2016 

gruppo di varese

La baldoria ha 130 anni

SE 130 ANNI DI SERVIZIO VI SEMBRANO POCHI!

Quest’anno ricorre il 130° anno di fondazione avvenuto nel lontano 1886 per opera del Maestro Eugenio Filippini che volle creare un corpo musicale di ispirazione alpina. La banda così formata fu denominata “La Filippina”, nome che non durò molto dato che dopo il debutto avvenuto nel teatro Pozzi di Busto Arsizio verso la fine del 1886, nei manifesti che richiamavano alla banda venne scritta da mano anonima “La Baldoria” forse grazie allo spirito di allegria e festa che arrivava dalle file dei musicisti dove girava una coppa di vino che sembrava non finire mai! Il nome piacque molto al maestro perché così  rappresentava lo spirito del gruppo da lui creato.

Quando, nel  1927 fu fondata la sottosezione A.N.A di Busto Arsizio (poi gruppo Alpini) la Baldoria fu “incorporata” e divenne la banda ufficiale del gruppo stesso.

Durante la Seconda Guerra Mondiale il corpo musicale fu l’unico a rimanere in attività contribuendo con la sua musica a far dimenticare le difficoltà vissute dai cittadini durante le sue esibizioni.

Successivamente alla morte del maestro Filippini avvenuta nel 1946, si sono susseguiti svariati maestri che ci fa piacere ricordare: Ottavio Gallazzi, Emilio Alberti, Arturo Paccioretti (1978- 2004), Cav. Silvio Gussoni (2004-2012), Antonio Montalbano (2013-2015).

Il corpo musicale è legato al corpo degli Alpini non solo per la tradizione, ma fin dalla sua fondazione  anche nell’aspetto esteriore; la divisa si ispira liberamente alla divisa dei primissimi alpini costituitisi nel 1872 per opera del Capitano Perrucchetti e che all’origine erano denominati Cacciatori delle Alpi. La divisa caratteristica comprende il cappello che riprende la berretta calabrese del tempo e le fiamme verdi presenti sul bavero della giacca.

La baldoria è presente a tutte le adunate nazionali e ai raduni del 2° raggruppamento, inoltre partecipa a svariate manifestazione alpine, tra le quali ci piace ricordare che è stata la banda d’onore del primo raduno del 4°Alpini, Battaglione Tirano nel 2004 e che ogni due anni continua a partecipare con grande entusiasmo dei partecipanti.

Nel 2015 hanno avuto l’onore di partecipare come banda militare alla cerimonia del cambio di comandante della base Nato NRDC-ITA Ugo Mara ed è ospite fissa della manifestazione International Day organizzata dal comando della caserma.

Inoltre ci fa piacere ricordare che il 31 Ottobre di quest’anno hanno partecipato al Salone Internazionale Svizzero delle Vacanze rappresentando l’Italia e la Provincia di Varese.

Oggi la Baldoria è composta da 35 elementi  effettivi, è diretta dal maestro Marco Michieletti e fa parte delle bande ufficiali dell’ A.N.A.

foto baldoria

 I Fondatori

fondatori

Maestro Filippini

maestro filippini

Festa di San Clemente Gruppo Alpini Leggiuno zona 7

(clicca Qui)

2°raggruppamento Desenzano 2016:

foto secondo raggruppamento http://img.gg/JP99NTS

Foto Sez di Varese 2° raggruppamento Desenzano (clicca Qui)

Foto della festa di Lozza 2016 http://img.gg/ZCMNvNH

Foto del 5° anniversario di fondazione del Gruppo Alpini di Lozza:   http://img.gg/WUvlZ9k

 classifiche--caleppio-2016-bis.pdf

classifiche--scaramuzza-2016-bis.pdf

classifiche--t.-presidente-2016-bis.pdf

CAMPIONATO NAZIONALE ANA CORSA INDIVIDUALE – Paluzza 17-18 Settembre 2016(clicca Qui)

MARCIA E TIRO VARESE (CLICCA QUI)

 impegni novembre

 mostra

Affresco “Madonna della Pace” in Chiesa Parrocchiale.

INIZIATIVA DI RESTAURO  A CURA DEL GRUPPO ALPINI DI GEMONIO.

All’interno delle varie iniziative programmate per la commemorazione e il ricordo del Centenario della Prima Guerra Mondiale, il Gruppo Alpini di Gemonio,  ha pensato di promuovere attivamente il restauro dell’affresco “Madonna della Pace”, presente nella Chiesa Parrocchiale, dedicata a S. Rocco ed alla B.V. Addolorata. Tale affresco, situato nella volta della cantoria, da oltre un decennio si è molto degradato a causa di infiltrazioni d’acqua. Questa iniziativa è stata pensata e finalizzata a valorizzare e ridare lustro ad un affresco  che, anche se di non pregevole fattura è molto caro a tutta la comunità, specialmente alle persone anziane,  ai  nostri nonni  che hanno pregato tanti rosari per chiedere la protezione e il ritorno dei propri ragazzi sotto le armi, in guerra e al fronte. Un ricordo vivo, un bene di tutti, realizzato per simboleggiare allora, il ritorno ad una speranza di pace duratura.

Oggi, in occasione delle celebrazioni di ricordo di quel grande dramma mondiale, il Gruppo Alpini, con questa iniziativa intende risvegliare in tutti, il senso di appartenenza alla Comunità e alle sue tradizioni. In tal senso, questo progetto, è stato supportato con iniziative di raccolte fondi, (ancora in corso) ed impegno diretto e di coordinamento del Gruppo Alpini, ma aperto alla fattiva collaborazione di tutte le associazioni, privati e istituzioni della comunità. Questo, nella continuità dei valori  nazionali e cristiani degli Alpini. Tale progetto, ha già avuto il benestare dell’amministrazione comunale, della parrocchia e della curia, siamo in attesa dell’ autorizazzione della Sovraintendenza dei beni culturali, senza la quale non è possibile iniziare i lavori che dovrebbero durare circa 20 giorni. Il lavoro è stato affidato a Piero Lotti, artista di grande esperienza e grande conoscitore del nostro patrimonio artistico che ha già fatto i sopraluoghi necessari. Siamo fiduciosi che  con la commemorazione dei Caduti per la Patria, il 4 novembre prossimo si possa festeggiare il lavoro ultimato.

Siamo anche su facebook alla pagina: Gruppo Alpini di Gemonio – Grazie a tutti per la collaborazione.

                                                                Il Capogruppo: Doride Sandri

 annibale guaragna con medaglie

Sul Cauriol, cento anni dopo

Il 3 settembre 1916 sul monte Cauriol, cima di 2494 metri nella catena dei Lagorai, si svolse una cruenta battaglia tra gli alpini del battaglione Val Brenta, che difendevano la vetta e un battaglione austriaco di Landschutzen. Le nostre penne nere, dopo aver subito un pesante bombardamento di artiglieria, respinsero alla baionetta gli assalti nemici e rimasero saldamente sulla cima del Cauriol. Alla termine dello scontro tra le file italiane si contarono 180 feriti e 33 Caduti. Tra di loro anche il saronnese Sottotenente GUARAGNA ANNIBALE, nato a Erba il 24 gennaio 1890 e residente dal 1904 nella nostra città. Dopo la sua morte venne decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare; sepolto inizialmente in un piccolo cimitero di guerra, riposa oggi nel Sacrario Militare di Trento. A Saronno nel 1931 gli era stata intitolata una via cittadina e nel Cinquantesimo dalla fine della Grande Guerra anche un’aula della Scuola Elementare Ignoto Militi; tuttavia, con il passare del tempo, la sua vicenda era stata totalmente dimenticata. Poi, tre anni fa, il suo nome ritorna dall’oblio: durante il nostro consueto giro al cimitero, nel giorno dei Morti per ricordare i soci “andati avanti”, notiamo una tomba di famiglia con un ritratto di un ufficiale alpino e la scritta monte Cauriol. Cominciamo le ricerche, scoviamo un suo nipote che vive nella Bergamasca e che conserva le sue medaglie, si ricostruisce la sua vita saronnese e ci rechiamo anche a Trento sulla sua tomba. Nel frattempo si decide di andare sul Cauriol il 3 settembre di quest’anno, esattamente cento anni dopo. Per fortuna il tempo ci è amico e risaliamo il monte fino alla vetta, sugli stessi passi e nelle stesse ore della battaglia. Un magnifico panorama ci circonda, la giornata è magnifica, impossibile però non pensare a quanto succedeva qui un secolo orsono. Ci accompagna l’amico alpino Santo De Dorigo, del gruppo di Gosaldo, sezione di Belluno, esperto conoscitore della zona e degli eventi della Prima Guerra Mondiale. Sulla cima risuonano le note del Silenzio e della Canzone del Piave, con un po’ di emozione viene data lettura dei nomi dei Caduti del Battaglione Val Brenta e della motivazione della Medaglia d’Argento.

“Comandante di plotone, visto il minaccioso avanzarsi del nemico, di sua iniziativa ordinava il contrattacco. Ferito al cuore , incitava morendo i suoi soldati a slanciarsi sul nemico. Monte Cauriol, 3 settembre 1916”

Sottotenente Guaragna Annibale, alpini del Val Brenta: PRESENTI!

cauriol 3 settembre 2016 

Foto della festa del Gruppo Alpini di Viggiù-Clivio 2016 (clicca Qui)

In occasione del 57 raduno del battaglione Morbegno al pian delle betulle lo scorso 4 settembre  la sezione di Varese era presente con il proprio vessillo scortata dal consigliere sezionale Gariboldi. 
Presenti anche due gagliardetti della nostra zona. 
Bisuschio e Brusimpiano con i loro rispettivi capigruppo.
Presenti anche altri alpini della sezione di Varese. 
La manifestazione si è svolta in una splendida giornata e la presenza degli alpini soprattutto delle sezioni di Lecco e Como w di Milano oltre ad alcune sezioni bergamasche e bresciane.
Presenti autorità civili e militari e il generale Didatto.

 

20160904_121808 20160904_102635

Immagini della festa del Gruppo Alpini di Brinzio 2016(clicca Qui)

Visita alla Linea Cadorna 2016

 Festa del gruppo Alpini di Porto Ceresio

Festa della montagna 2016

Inaugurazione sede di gallarate

Sfilata 2°raggruppamento sabato 17 e domenica 18 ottobre 2016

Da dove provengono i visitatori del sito dell'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Varese? EccoVi la mappa in tempo reale ed in continuo incremento!. I bollini rossi segnalano le zone di accesso. Buona navigazione!

© Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Varese - varese@ana.it - TEL / FAX. 0332 242 438.notizie sul lavoro