Gruppo di Cardano al Campo

Anno di Fondazione 1934

Anno di Rifondazione 1959

Capigruppo

1934 Greco Angelo
1959-2008 Luigi Bernasconi
2009 a oggi Mutta Bruno

Forza al 31 dicembre 2018

Soci Alpini 66
Soci Aggregati 19
Amici degli Alpini 2

L’Alpino di Cardano al Campo Greco Angelo fu tra coloro che fondarono il 30 novembre 1929 la Sottosezione di Gallarate. Da allora si pensò di costituire il Gruppo Alpini in Cardano al Campo, allora chiamato plotone.

Alla costituzione, nel 1934, Angelo Greco divenne Capo Plotone; a lui si unirono, tra i primi, Giulio Cappelletti e Giuseppe Ronzi.

Con una magnifica manifestazione nella primavera del 1939 il gagliardetto venne benedetto dal Cappellano della Sezione don Antonio Riboni, alla presenza del Comandante della Sottosezione di Gallarate il Ten. Ugo Villa.

Il Gruppo, dopo alcuni anni di inattività a cavallo degli eventi bellici (1940/45), ritorna ad operare nel 1959, con capogruppo Luigi Bernasconi. Dal 2005 i soci possono ritrovarsi alla sera di ogni sabato presso la sede in via Ceresio, da loro realizzata nel 1988 e donata al comune di Cardano affinché venisse utilizzata come ambiente di lavoro per i disabili della cooperativa l’ARCA, cosa avvenuta fino al 2002.

L’attività svolta dal Gruppo si può sintetizzare nei seguenti momenti principali:

  • Partecipazione a tutte le Adunate Nazionali ed ai raduni sezionali (60 adunate fino ad oggi);
  • Iniziative per raccolta di fondi per scopi sociali, interventi a carattere umanitario;
  • Iniziative volte ad incentivare il senso civico

– Nel corso di ogni anno, proiezioni di filmati riguardanti gli Alpini, il loro ambiente e la loro storia; serate di canti alpini e di montagna; presentazione di libri; S. Messa annuale alla cappellina

– 1961 – presente il grande scalatore Riccardo Cassin viene proiettato “GASHERBRUM IV”.

– 1966 – intervento pro alluvionati in Piemonte.

– 20 settembre 1970 – La Med. D’oro Don Giovanni Brevi benedice ed inaugura la “Cappella alla Madonna degli Alpini” realizzata dagli Alpini del Gruppo durante il tempo libero, su progetto del socio (arch.) Claudio Colombo. Davanti a questa Cappella ogni anno viene celebrata la S. Messa in ricordo degli Alpini cardanesi caduti e defunti.

– 18 settembre 1974 – Dopo la S. Messa viene donata alla scuola media di Cardano una Bandiera Tricolore, accompagnata da una “Storia delle Truppe Alpine” in tre volumi; la consegna è fatta dal Socio fondatore dell’A.N.A. Ferruccio Ravarini. Altre due bandiere verranno donate alle scuole elementari cittadine.

– Agosto 1976 – dopo il terremoto del Friuli, una squadra del Gruppo si reca sul luogo del disastro per lavorare al “Cantiere n° 9” e portare aiuto ai “Fradis Furlan”; una consistente somma viene raccolta e consegnata alla sezione A.N.A.

– 1979 – Nel 20° della costituzione del Gruppo, gli Alpini realizzano nell’Asilo Porraneo una serie di servizi igienici ed una infermeria, donando anche materiali tecnici e d’arredo.

– 1980 – Nel 10° anniversario di costruzione della “Cappella votiva”, viene ripulita e sistemata a verde la vasta zona che la circonda. Viene anche donata una speciale “carrozzina” ad un ragazzo cardanese “in difficoltà”, anticipando la campagna di sensibilizzazione per il problema delle disabilità indetta per l’anno successivo sotto l’egida dell’O.N.U.

– 1981 – In Cardano viene fondato il “Gruppo Jonatahan”: gli Alpini donano mobili ed attrezzi utili al funzionamento.

– 1983 – vengono donati all’asilo una cella frigorifera ed una bilancia.

– 1984, 3-4-5 agosto – per ricordare i venticinque anni della ricostituzione del Gruppo, gli Alpini posano sulla vetta dell’Adamello una fusione in bronzo della “Preghiera dell’Alpino”.

Il successo della spedizione riscuote il plauso anche degli Alpini della Val Camonica. Da allora, periodicamente, diversi Soci ed amici ritornano ogni cinque anni sull’Adamello.

– 1985 – da questo anno il gruppo, per le festività natalizie, allestisce davanti al municipio un artistico Presepe.

– 1986 – A rotazione, per diversi mesi, ventotto volontari prestano la loro opera nella costruenda “Chiesa del Cuoricino”.

– 1987 – Si rifondono 13 delle 54 targhe che ricordano altrettanti Caduti Cardanesi: vengono tutte risistemate nei Viali delle Rimembranze.

– 16 ottobre 1988 – con il taglio del nastro da parte del Gen. Ferrero si inaugura una “Casa prefabbricata” realizzata dagli Alpini Cardanesi e donata al Comune perché possa essere utilizzata come ambiente di lavoro per giovani disabili. Ben 36 soci ed amici hanno prestato la loro opera, senza chiedere sovvenzione alcuna. Per quattordici anni i giovani disabili vi lavorano sotto la guida della Cooperativa l’Arca.

– Premio Pa’ Togn – Il Gruppo si onora di aver avuto tra i propri soci il dott. Romolo Monti che, per la sua attività a favore dei “non vedenti” ha meritoriamente ricevuto l’onorificenza.

– 26 maggio 1989 – nell’intervallo del concerto dei canti della Montagna eseguiti dai Cori Penna Nera e la Brughiera, il Sindaco ha acceso il faro per illuminare la facciata della chiesa di S. Pietro (seconda metà del ‘700); una realizzazione che si deve al volontariato del nostro Gruppo.

All’oratorio di Cardano, per la nuova palestra, vengono donate 300 sedie. Presso la chiesa del Cuoricino vengono benedette e collocate in grandi pannelli, le composizioni di ferro saldato realizzate artisticamente da alcuni soci del Gruppo.

– 1990 – durante il Raduno del 5° Alpini, del 2° e 5° Artiglieria da Montagna organizzato dalla Sezione di Varese, Cardano Campo ha avuto il privilegio irripetibile di ospitare la Fanfara della Brigata Orobica per un concerto.

– 1991 e 1992 – gli Alpini cardanesi sistemano due locali per il negozio di vendita di articoli prodotti dai disabili della Cooperativa L’Arca ed il locale laboratorio della stessa.

– 1993 – all’iniziativa denominata dalla A.N.A. “Operazione Sorriso”, due nostri soci hanno rappresentato il Gruppo a Rossosch in Russia.

Viene acquistato e donato ad una Suora impegnata nel sociale un apparecchio per ipovedenti.

– 1994 – in collaborazione con altri Alpini della Sezione contribuiamo alla realizzazione della zona polifunzionale per anziani, presso la struttura sociale de “il Melo” in Gallarate.

Per diversi mesi viene svolto un lavoro estremamente impegnativo per ristrutturare la nuova sede della Cooperativa “Il Seme” che si occupa dei disabili gravi.

Nel Centenario di vita dell’Asilo di Cardano, il Gruppo, che dal 1978 è sempre stato vicino alle necessità dello stesso, ha donato l’arredamento per un’aula scolastica.

– 1995 – alcuni nostri soci prestano il loro aiuto a seguito dell’alluvione di Alessandria.

– 1995/96/97 – si interviene con aiuti consistenti alle iniziative cardanesi in favore degli “Amici dell’Africa”, in Equador e cooperando con la Sezione alle iniziative in Mozambico.

Da diversi anni il Gruppo è sensibile all’attività ed alle necessità del Nucleo di Protezione Civile della Sezione.

– 2000 – per ricordare il trentesimo della nostra “Cappella”, la stessa viene ripulita dai segni del tempo.

Viene inoltre benedetto un secondo Gagliardetto.

– 2001 – il Gruppo interviene a favore dalla Cooperativa “L’Arca” per allestire la cucina interna ai laboratori, integrando la somma raccolta durante il Torneo di calcio “Interzone” svoltasi a Cassano Magnago.

Un consistente quantitativo di materiale didattico viene inviato in Africa.

– 2002 – collaboriamo con lavoro e denaro all’iniziativa Sezionale in Croazia.

– 2003 – Viene assegnata al gruppo l’organizzazione della serata “Pa’ Togn”; è presente il Presidente Nazionale Parazzini.

– 2004 – diversi Soci, per mesi, prestano la loro opera alla realizzazione della nuova “casa dell’accoglienza” per disabili gravissimi in Cardano, gestita dalla cooperativa “Il Seme”.

– 2005 – alcuni Soci si adoperano per mesi alla ristrutturazione della Cappella dell’Oratorio.

– 2006 – l’Amministrazione Comunale, riconoscente per l’operato delle locali “Penne Nere”, dedica il nuovo largo agli Alpini Cardanesi, che viene inaugurato il 17 settembre alla presenza del Sindaco e degli Amministratori. Durante la cerimonia il Gruppo fa dono alla biblioteca civica di 25 annate del mensile “l’Alpino”, in altrettante custodie verdi.

In questi anni:

Gli atleti del Gruppo partecipano alle gare sportive promosse dalla Sezione e dalle Zone ottenendo buoni risultati.

Alcuni Soci collaborano attivamente con la locale Associazione “Croce Azzurra” per il trasporto di persone malate ai luoghi di cura.

–  2007- Si organizza serata di cori in collaborazione con la Pro Loco.

  • 2009- Dopo cinquant’anni di onorato servizio, la guida del gruppo passa da Luigi Bernasconi a Bruno Mutta che diviene il nuovo capogruppo. Nello stesso anno, a seguito del terremoto dell’Aquila, si effettua una raccolta fondi straordinaria per l’aiuto delle popolazioni abruzzesi. Un alpino partecipa alla costruzione del villaggio ANA di Fossa. In occasione del cinquantesimo di rifondazione, a settembre si svolge una cerimonia solenne in paese alla quale segue la presentazione del libretto commemorativo appositamente realizzato.
  • 2010- Costruzione di una grotta a Vizzola Ticino dove viene collocata statua della Madonna di Medjugorie.
  • 2011- Celebrazioni per centocinquantesimo dell’unità d’Italia. Presso il cortile della chiesa del Cuoricino viene posato un grosso crocifisso in ferro. Nello stesso anno un ragazzo del paese partecipa alla mini-naja presso un reggimento alpino.
  • 2012- Gli alpini cardanesi contribuiscono alla realizzazione del monumento presso la base Ugo Mara a Solbiate Olona.
  • 2013- Organizzazione di una mostra sugli alpini durante la festa patronale di Sant’Anastasio alla presenza di Mons. Franco Agnesi.
  • 2014- Un gruppo di alpini cardanesi ritorna sull’Adamello per commemorare il trentesimo anniversario della posa della targa.
  • 2015- Inizio delle celebrazioni per il centenario della Grande Guerra. Il gruppo realizza un libretto, “Il calore del freddo marmo”, che celebra la ricorrenza e ricorda i 53 caduti cardanesi. Si costituisce il coro Quindici18 formato da vari cantori cardanesi che accompagnerà il gruppo nelle iniziative del centenario. A maggio viene organizzata una serata presso l’auditorium per celebrare l’entrata in guerra dell’Italia, si esibisce il coro e viene presentato il libretto. Serata condotta da Beppe Parazzini, presidente emerito dell’ANA. Il gruppo restaura completamente il monumento ai Caduti presso le scuole Pascoli e lo restituisce alla cittadinanza in occasione delle celebrazioni del 4 novembre con cerimonia solenne. Presso il  santuario del Cuoricino si recuperano le stazioni della via Crucis in ferro battuto, realizzandone di nuove.
  • 2016- Gita ad Asiago con il coro Quindici18 nell’ambito delle celebrazioni del centenario. Presentazione del libretto commemorativo alle Terze medie cardanesi. L’iniziativa si ripeterà anche nel 2017 e nel 2018.
  • 2017- Restauro del monumento ai Caduti nel cimitero di Cardano. Gita commemorativa ai sacrari di Montello e Fagarè. Restauro di un monumento a Vizzola Ticino dedicato ad un caduto partigiano. A fine agosto alcuni Alpini insieme al capogruppo effettuano un’escursione sull’Ortigara. A dicembre il gruppo realizza una edicola presso la cooperativa sociale “Il Seme” per collocare una statua della Madonna di Fatima: viene inaugurata dall’arcivescovo di Milano mons. Mario Delpini.
  • 2018- Gita della memoria sul Monte Grappa. A novembre solenne cerimonia di chiusura delle celebrazioni del centenario presso l’auditorium con il coro Quindici18. Presenta ancora una volta Beppe Parazzini.
  • 2019- Il gruppo decide di ricordare gli alpini cardanesi andati avanti con una piccola fusione in metallo da riporre sulle rispettive tombe. Presentazione di un libro di geostoria presso la sede della Proloco. Altre due presentazioni librarie si effettueranno durante l’anno. In luglio un gruppetto di alpini raggiunge la vetta dell’Adamello per il trentacinquesimo anniversario della posa della targa. A settembre si celebra solennemente il sessantesimo con benedizione di un nuovo gagliardetto e pubblicazione di un libretto commemorativo.
Scroll to Top