Gruppo Alpini Leggiuno Sangiano

Alpini n. 61 -aggregati n. 39

 untitled 15

Il gruppo viene fondato nel 1930 quando i paesi di Leggiuno e Sangiano formavano un unico comune. Non si hanno notizie certe sull’attività svolta dalla fondazione alla fine della seconda guerra mondiale, allorchè l’attività celebrativa viene ripresa con la normale partecipazione alle manifestazioni, sia in ambito nazionale che sezionale, e con l’organizzazione di cerimonie di gruppo, fra le quali si ricordano: 

- nel 1967 la posa di una lapide in memoria del concittadino don Mario Soffi entini, tenente cappellano medaglia d’argento al Valor Militare, fatto prigioniero a Nikolajewka il 24 gennaio 1943 e rinchiuso nel campo di prigionia di Brisinc (Kirov) dove è deceduto il 30 marzo 1943.

- nel 1973 cerimonia di ricevimento delle spoglie del marinaio Ambrogio Riva, deceduto nel 1943 a Brandemburg (Germania).

- nel 1992, analoga cerimonia per il ritorno delle spoglie dell’alpino del btg. Monte Cervino, Cosimo Del Grande, medaglia di bronzo al Valor Militare, caduto a Jacodny, area di Stalino il 19 settembre 1942.

Il gruppo è orgoglioso di aver potuto contare fra i propri soci il C.le Magg. Alpino Carlo Bui, Medaglia d’argento al valor militare, “andato avanti” nel gennaio 2009; questa la motivazione dell’onorifi cenza:

“capo squadra mortai di presidio ad un posto di sbarramento, attaccato da preponderanti forze avversarie, dirigeva il tiro delle sue armi, con serena calma e perizia, infliggendo gravi perdite al nemico. Gravemente colpito agli occhi sì da perdere completamente la vista, incurante del dolore, continuava ad incitare i propri alpini, rammaricandosi solo che la grave ferita non gli permetteva di continuare ad assolvere il proprio compito.” ...Pliewlje (area dei Balcani) 1° dicembre 1941.

- Campagna di guerra 1940-41.

- Ferito in combattimento.

- Gran mutilato di guerra (cieco).

- Croce di guerra al merito.

L’attività di solidarietà si è concretizzata in elargizioni a favore di persone bisognose. di popolazioni del Terzo Mondo tramite Istituzioni missionarie e con un intervento diretto a Cavazzo Carnico in aiuto ai terremotati del Friuli (1976).

L’attività alpinistica registra la partecipazione di un socio ad una spedizione del C.A.I. di Besozzo nella Cordillera Blanca (Perù), durante la quale il gagliardetto del gruppo venne portato sulla vetta dell’Antesonraju, a quota 6025 m Negli anni ‘90 il gruppo registra un notevole incremento nelle realizzazioni che si concretizzano il 25 aprile 2000 con l’inaugurazione di un importante edificio costruito dagli stessi soci ed amici in tre anni di lavoro e destinato a nuova e defi nitiva sede del Gruppo. La vitalità del gruppo richiama un maggior numero di iscritti ed un conseguente aumento d’iniziative fra le quali emerge la costituzione del nucleo di protezione civile.

Da dove provengono i visitatori del sito dell'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Varese? EccoVi la mappa in tempo reale ed in continuo incremento!. I bollini rossi segnalano le zone di accesso. Buona navigazione!

© Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Varese - varese@ana.it - TEL / FAX. 0332 242 438.notizie sul lavoro