Gruppo Alpini Cassano Magnago

Alpini n. 97 - aggregati n. 49

Alcuni Alpini di Cassano Magnago nel 1934 si erano iscritti nella Sottosezione di Gallarate. Nel Marzo del 1937 l’indimenticatoComm. Ugo Villa, Comandante della Sottosezione affi dò al Tenente Ivo Martini l’incarico di costituire il Gruppo di Cassano Magnago. Nello stesso anno viene inaugurato il gagliardetto del “Plotone Cassano Magnago” alla memoria dell’Alpino Ciro Martini, padre del Capo Gruppo.untitled 3

Dopo il secondo confl itto mondiale, alcuni reduci diedero inizio alla ricostruzione del Gruppo. Già nel 1947 infatti, alcuni Alpini collaborarono al fi ne d’alleviare i disagi dei mutilatini di Don Carlo Gnocchi, che proprio nella Villa Bruschi di Cassano Magnago iniziò la sua attività. Nel 1953 in occasione ell’inaugurazione del Monumento ai Caduti, gli Alpini Ivo Martini e Angelo Viganòfurono tra i membri del Comitato d’Onore ed esecutivo. Nel 1955 fu costituito un “Comitato Madonnina Alpini”, Presidente il Rag. Ivo Martini. S’incaricò il Geom. Imo Coghi, S. Ten. Artigliere da Montagna appena congedato, di progettare “Un Cippo Votivo”, ma poi non se ne seppe più nulla.

L’attività del Gruppo si limitava al tesseramento e alla partecipazione di alcuni Soci alle Adunate Nazionali. La rifondazione uffi ciale avvenne dopo l’Adunata Nazionale di Roma del 1968. Il 23 giugno 1970 fu inaugurato e benedetto il Nuovo Gagliardetto con madrina la mamma di Gildo Zanella, Medaglia d’Argento al Valore Militare; indimenticabile la partecipazione del Cappellano Alpino Don Antonio Fiora. Nel 1973 fu dato un notevole contributo a sostegno dell’Istituto Sacra Famiglia, che aveva preso il posto della “Pro Juventute”. Negli anni a seguire ebbero inizio i lavori per la costruzione della “baitina” che fu inaugurata il 26 maggio 1975. L’anno 1976 segnò una svolta nell’Associazione Nazionale Alpini: il terremoto del Friuli sconvolse la vita dei Gruppi e delle Sezioni.untitled 4 Da quel momento si fece strada il nuovo motto “Onoriamo i morti aiutando i vivi”. Il nostro Gruppo partecipò subito ed attivamente all’invito della Sezione, collaborando nel Cantiere di Cavazzo Carnico con uomini e materiali. Molte altre iniziative furono prese per raccogliere fondi tra la cittadinanza in aiuto ai terremotati. Una dozzina di Alpini ed amici degli Alpini di Cassano Magnago parteciparono al Cantiere n.9 di Cavazzo Carnico. Nel 1985 per la prima volta, un Coro di Alpini in Armi della Brigata Orobica tenne un memorabile concerto nella chiesa di S. Giulio, il giorno successivo al Palazzetto Tacca partecipò alla consegna delle bandierine tricolori alle classi delle Medie. La consegna del Premio “Pa’ Togn” ai nostri Soci Franchi Nino nel 1988 e Ceresa Carlo nel 1998, assegnati dalla Sezione come riconoscimento per la loro dedizione verso gli ammalati e gli emarginati, furono occasioni per avere tra noi oltre ai cori Alpini, la fanfara della Taurinense e

Capi Gruppo

1937-1954 Martini Ivo

1955-1967 Viganò Angelo

1968-1970 Morati Elio

1971-1976 Coghi Imo

1977-1980 Re Garbagnati Giuseppe

1981-1984 Giacomello Rino

1985-1988 Bonin Valentino

1989-1991 Vajente Pio

1992-1994 Bertolasi Francesco

1995-1999 Bonin Valentino

2000 a oggi Colombo Ettore

Forza al 31 dicembre 2008

Soci Alpini 119

Soci aggregati 35

il Presidente Nazionale. Nel 1987 si contribuì al Fondo Pro Valtellina indetto dalla Sede Nazionale. Il Gruppo partecipò anche attivamente alla ”Operazione Sorriso” per la costruzione dell’Asilo a Rossosch, ed alcuni soci prestarono la loro opera. Successivamente furono ospiti nella nostra Sede la direttrice dell’Asilo Signora. L. F. Lapitieva e il Prof. Alim Morozov, curatore del Museo Storico. Il primo lavoro svolto dal Gruppo con il permesso dell’Amministrazione Comunale, fu il restauro della cappellina posta ai piedi del campanile di S.  Maurizio, risanandone i muri ed il tetto preesistente e arricchendola con un’artistica vetrata (opera pregevole del Prof. Marco Foderati) dedicata a S. Maurizio, patrono degli Alpini. In seguito, fu installata all’interno della torre campanaria una scala d’accesso alla sommità della stessa dalla quale, ancora oggi, in occasione della Festa Sezionale di S. Maurizio, sventola il nostro Tricolore. untitled 5Con questi interventi il Gruppo ha iniziato una profonda collaborazione con l’Amministrazione Comunale per la salvaguardia del patrimonio antico. Con un notevole lavoro si provvide alla bonifi ca e sistemazione di vecchi scantinati della Villa Oliva, da adibire a propria sede. L’8 dicembre 1999, alla presenza del Presidente Nazionale Beppe Parazzini e del Comandante della Brigata Tridentina Brig. Gen. Scozzaro (nostro socio) fu inaugurata uffi cialmente la nuova sede, tuttora utilizzata dagli Alpini. Nel 1992 si costituì il Gruppo di Protezione Civile che negli anni successivi ha avuto modo di distinguersi prestando la propria opera in aiuto alle popolazione colpite da calamità naturali. Il Nucleo di Protezione Civile della CASSANO MAGNAGO Sezione di Varese e i nostri Alpini intervennero sul Torrente Rile nel 1993 e nel 1997 e nel 2001. La partecipazione di giovani Alpini, all’attività sportiva del Gruppo è sempre stata buona, infatti nel 1989 conquistò il “Trofeo Presidente Nazionale”. I nostri Atleti partecipano da sempre alle gare organizzate dalla ede Nazionale e dalla Sezione e al torneo di calcio della Zona. Attualmente il gruppo continua la sua opera nel sociale in collaborazione con le istituzioni religiose e l’Amministrazione Comunale. Con l’arrivo del nuovo millennio, è stata istituita una redazione stampa con il compito di produrre un periodico di informazione sulle attività del gruppo. Tuttora mantiene le promesse fornendo un giornalino trimestrale che aggiorna i singoli iscritti, sulle attività svolte e sulle manifestazionifuture. Nel 2004 il gruppo ha voluto evidenziare il 70° anno di fondazione. Sono state organizzate giornate di sensibilizzazione presso le scuole elementari e medie. Nell’occasione è stato indetto un concorso a tema, sulla storia degli alpini, che ha visto a conclusione premiare i migliori lavori, omaggiando inoltre scolaresche e insegnanti con un libro di Rigoni Stern, reduce di Russia. Nello stesso anno è stato realizzato un sito internet, ove sono presentate tutte le attività svolte dal Gruppo (www.alpinicassano-magnago.it ). Doveroso ricordare l’impegno di alcuni nostri alpini, che hanno prestato la loro opera per la ristrutturazione di una chiesa e di un centro polivalente nella ex Jugoslavia. Nel 2006, in occasione dell’Adunata Nazionale ad Asiago, concretizzato con la festa di San Maurizio, è stato stretto un forte patto di amicizia con il Gruppo di Angarano della Sezione di Bassano del Grappa.

Da dove provengono i visitatori del sito dell'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Varese? EccoVi la mappa in tempo reale ed in continuo incremento!. I bollini rossi segnalano le zone di accesso. Buona navigazione!

© Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Varese - varese@ana.it - TEL / FAX. 0332 242 438.notizie sul lavoro